» Home » Consulenza SEO » Strategie Seo: ottimizzazione Seo On Page e Seo Off Page

Come posizionare il tuo sito web

Le strategie Seo volte all’ottimizzazione di un sito web si dividono in Seo On-Page e Seo Off-Page, ovvero due pratiche di Search Engine Optimization che devono necessariamente coesistere per rendere popolare un sito web e farlo indicizzare da Google tra i suoi primi risultati di ricerca.

Quando si parla di strategie Seo On Page (oppure On Site) ci si riferisce ad un’attività da svolgere sulla strutturazione del sito, sui testi delle pagine web e  dunque sulle keywords o parole chiave da usare, e che devono rappresentare gli intenti di ricerca degli utenti quando usano il web.

Le strategie Seo Off Page (oppure Off Site) definiscono invece tutte quelle attività da svolgere al di fuori del sito web, come la Link Building, tramite cui si ricavano link in entrata al proprio sito, detti Inbound Link o Backlink, e si pianificano i link in uscita, aumentando così la notorietà del sito e di conseguenza le sue visite.

Le strategie per l’ottimizzazione Seo On Page e Off Page servono dunque affinchè Google indicizzi un sito e lo posizioni nel migliore dei modi, in relazione all’uso strategico ed efficiente delle keywords presenti nei testi, e nei campi di compilazione del CMS da dove si crea il sito web, facendo scalare al sito la cosiddetta SERP, la Search Engine Results Page, dove appaiono tutti i risultati di ricerca, organizzati in modo ordinato in base alla loro ottimizzazione e notorietà in rete.

L’ottimizzazione Seo On page e l’organizzazione dei contenuti on line

L’ottimizzazione Seo On Page di un sito web include l’ottimizzazione dei testi, del codice HTML e della struttura del portale. Per poter ottimizzare un sito web con le keywords più appropriate è necessario conoscerle, dunque cercarle in base all’argomento che si deve trattare per scrivere il Copy del sito. Di seguito si elencano tutti gli step per effettuare un’ottimizzazione Seo On Page:

  • Keyword Research: è la ricerca delle parole chiave da usare nel Copy di un sito web, si può eseguire con appositi tools on line, come Google Keywords Planner, Ubersuggest, SemRush, SeoZoom ecc., ecc., impostando la ricerca in base all’argomento che si deve trattare sul sito e venendo così a conoscenza delle diverse tipologie di keywords esistenti.
    Esistono keywords differenti dal punto di vista semantico, che si suddividono in keywords principali (ad esempio “strategie seo”), keywords secondarie (es.: “strategie ottimizzazione seo”) e keywords correlate che fungono da sinomini della key principale (es.: “ottimizzazione sito web”); e keywords che si differenzino per la loro morfologia, poiché sono più specifiche in quanto composte da vere e proprie frasi, si tratta delle cosiddette key phrase (esempio: “come ottimizzare un sito web con la seo”).
    La key phrase rappresentano l’intenzione da parte di un utente, a svolgere una determinata azione sul web, come ad esempio aquistare qualcosa, contattare qualcuno, reperire precise informazioni; esse rappresentano una buona fetta di traffico perchè hanno in genere meno concorrenza in rete.

    Studio struttura in base alla chiavi

  • Ottimizzazione Tag Title: il tag title non è altro che il titolo di una determinata pagina web o di un blog post che comparirà nella ricerca di Google , in tale titolo si deve inserire la keyword principale. A livello di codice, title si trova nell’head del codice html e deve includere al massimo 55 caratteri.
  • Ottimizzazione Meta Tag Description: si tratta dell’anteprima di una pagina web, il cui contenuto viene visualizzato tra i risultati di ricerca della SERP, la Meta Tag. A livello di codice si trova sempre nel head e segue la seguente sintassi meta name= “description” content = “Come incrementare il traffico sul tuo sito web. “.
  • Ottimizzazione dei marcatori h1, h2, h3: i marcatori h1, h2, h3, sono tag html che fungono da titoli per i paragrafi di un testo, essi servono dunque a stabilire un ordine nell’argomento trattato, tramite keywords principali, secondarie o correlate, influenzando positivamente il ranking, ovvero il punteggio che Google attribuisce al sito web e alle sue pagine web.
  • Fare Internal linking ed usare l’ Anchor Text: l’Internal linking rappresenta l’insieme dei link interni che servono a far navigare l’utente tra le varie pagine web del sito, e tra i vari articoli di un blog; l’Anchor Text è un elemento testuale che permette agli utenti di usufruire di un collegamento ipertestuale il quale può essere presente ovunque nel sito e per vari obiettivi, dunque l’Anchor Text indirizza gli utenti verso le pagine web, i tag e le categorie, le sezioni delle pagine, i sottodomini, eventuali siti collegati o affiliati, eventuali landing page.
  • Ottimizzazione mobile-friedly: è l’ottimizzazione di un sito web per la sua visualizzazione e per migliorare la web usability sui dispositivi mobili, come smartphone e tablet, per questo è necessario usare un tamplate “responsive” ed effettuare il Test di Ottimizzazione Mobile di Google; mentre usando Google Page Speed Insights si può verificare quanto il sito sia veloce nel caricarsi all’apertura sui vari device.
  • Usare la Sitemap: esiste la sitemap per gli utenti ovvero una mappa che ha la funzione di orientare i visitatori del sito web su come navigare tra le varie pagine del portale, e poi esiste la sitemap per i motori di ricerca che si trova nella root del sito e serve a comunicare con i crawler (o spider) di Google, in modo da archiviare tutti i contenuti pubblicati e le varie url. Entrambe le sitemaps devono essere comunicate alla Google Search Console.
  • Breadcrumbs: le cosiddette “briciole di pane” sono voci cliccabili, in genere posizionate in alto a sinistra della pagina web e servono ad incentivare l’utente a navigare tra le varie pagine del sito web, che vengono inserite come in una sorta di mappa di piccole dimensioni.

Come accennato sopra, l’ottimizzazione Seo On Page non basta per far posizionare un sito web tra i primi risultati di ricerca su Google, dunque per raggiungere tale obiettivo non si può non tener conto delle strategie di ottimizzazione Seo Off Page.

L’ottimizzazione Seo Off Page e l’importanza di rendere popolare un sito web

Tra le strategie Seo, l’ottimizzazione Seo Off-Page rappresenta un insieme di attività volte ad aumentare le visite di un sito web tramite le visite da altri siti e tramite il miglioramento del ranking, cioè il miglior posizionamento delle parole chiave del proprio sito.

Ecco di seguito le attività che compongono l’ottimizzazione Seo Off Page:

  • Link Building e Guest Post: la Link Building è un’attività che consiste nella redazione di un articolo “ospite”, ovvero un Guest Post da pubblicare su un sito che tratta argomenti pertinenti al proprio portale, inserendo al suo interno un link che collega l’utente al proprio sito, dunque alla pagina web o all’articolo che si vuole far leggere, e che tratta argomenti relazionati a quello del Guest Post.
    I siti web su cui fare Link Building per ricavare Backlink (l’insieme di link interni) devono sempre essere ben ottimizzati Seo, devono avere un’ottima Web Reputation e Web Authority, in modo da non rischiare di scegliere siti che abbiano subito penalizzazioni da parte di Google per l’abuso di link in entrata o in uscita.
    Metriche molto importanti come la Domain Authority o DA che descrive la rilevanza del sito in merito all’argomento trattato, e la Zoom Authority o ZA che rappresenta il traffico proveniene dai motori di ricerca, la stabilità di un sito nella SERP, e la fiducia che Google ripone in tale sito, nonché le sue opportunità di crescita, possono essere monitorare con il tool SeZoom.
  • Inserire il sito web in una Directory: le Directory sono una sorta di database che inseriscono spesso gratuitamente, vari siti web, ad oggi questo strumento è meno utilizzato rispetto a molti anni fa, ma rimane comunque, se fatto accuratamente, utile per la Seo, facendo attenzione a scegliere Directory locali o verticali, ovvero che si concentrano su particolari argomenti o settori caratterizzanti i siti web presenti al loro interno.
  • Incrementare il traffico referral e fare Social Media Marketing: il traffico referral non è altro che il traffico proveniente dalla Backlink, ovvero i link in entrata al proprio sito web, che come abbiamo speigato sopra si può ottenere facendo Link Building e scrivendo Guest Post. Ma anche il traffico proveniente dai social network rimane un fattore estremamente importante per aumentare il traffico del proprio sito, infatti il Social Media Marketing è un’attività che necessita di un piano editoriale per la creazione di contenuti, che siano blog post da condividere, infografriche, immagini, video da pubblicare sulla pagina social di un sito. Ogni social network ha poi i suoi strumenti per il monitoraggio delle visite e delle interazioni sulla pagina, come Facebook Insight.

Per concludere, ricordiamo che le attività di Seo On Page e Off Page devono essere sempre monitorate da professionisti, in quanto, se svolte in maniera scorretta possono portare anche al peggioramento del posizionamento del sito web, per questo motivo siamo a disposizione per una consulenza gratuita per verificare la vostra situazione.

Contattaci

Contattaci senza impegno, ti aiuteremo a migliorare la tua presenza online.
E’ consigliabile prendere appuntamento.

  • Ufficio: Via Pasqui 28, Rovereto (Trento)

  • 328 2727547

  • info@alessandrogiovanazzi.it

Seguici:

Scrivici

Accetto le condizioni di privacy e trattamento dei dati personali